Differenze tra cannabis Indica, Sativa e Ruderalis

Logo Foglie Cannabis

Differenze tra cannabis Indica, Sativa e Ruderalis

Attualmente è molto facile sentirsi disorientati quando si tratta di scegliere tra le varietà di cannabis. L’innumerevole quantità di ceppi disponibili sul mercato ha portato con sé un mare di genetiche nel quale è facile perdere la strada. White Widow, Moby Dick, Bubba Kush, Dinachem, Cheese… In realtà le opzioni sono pressoché infinite, dato che ogni volta che si incrociano due genetiche, nasce un nuovo ceppo dalle caratteristiche organolettiche uniche. Tutte le varietà possono essere classificate in tre grandi gruppi: Indica, Sativa e Ruderalis (varietà autofiorenti).

Ognuna di queste varietà ha il proprio schema di crescita, caratteristiche aromatiche e estetiche diverse. Ciò nonostante, la maggior parte delle genetiche che circolano nel mercato oggigiorno sono ibridi che combinano le caratteristiche Sativa/Indica in percentuali diverse a seconda degli obbiettivi del breeder. Nel caso delle autofiorenti, a questi ibridi va aggiunta la genetica Ruderalis, responsabile della loro velocità. Sebbene la grande maggioranza delle versioni di cannabis che offre il mercato siano ibridi, conoscere le caratteristiche di ogni tipo vi aiuterà a capire meglio le differenze.

Cannabis Sativa

Origine: questo tipo di pianta di cannabis proviene dall’Asia, dall’America e dall’Africa. In gran parte la morfologia caratteristica delle Sativa si deve all’adattamento della pianta all’ambiente, in particolare all’umidità. È per questo che le Sativa sono il risultato dell’interazione della pianta con i climi più umidi che richiedono una maggiore traspirazione.

Caratteristiche della pianta

Grande statura, di solito raggiungono i 4,5 metri e più.
Rami lunghi con distanze internodali grandi.
Sistema di radici molto disteso.
Foglie grandi e sottili.

Possono raggiungere dimensioni eccessive in molto poco tempo.
Tutte le varietà di canapa industriale sono considerate cannabis sativa.

Lo sapevi che…?

In passato, la cannabis Sativa è stata largamente utilizzata per la produzione di carta.  In seguito l’industria si è focalizzata sugli alberi, un peccato se consideriamo l’impatto ambientale. L’abbattimento di alberi si ridurrebbe fortemente se si utilizzasse la cannabis, essa cresce molto più velocemente degli alberi e il danno all’ambiente sarebbe praticamene inesistente.

Se ti piacciono le Sativa, ti consigliamo:

Super Silver: Un ibrido ideale per gli amanti delle genetiche Sativa. Con un 90 % di predominanza Sativa, questa varietà femminizzata possiede un intenso sapore con note di limone, pino, incenso e spezie. Un marcato aroma che viene accompagnato da un effetto potente, cerebrale, euforizzante e tonificante di lunga durata. Una genetica che sviluppa cime dense e allungate traboccanti di resina.

Santa Sativa: Questo ibrido con un 70 % di predominanza Sativa, frutto dell’unione tra una Haze#1 e un incrocio di Skunk e Northern Lights. Le sue cime allungate e compatte emanano un delizioso aroma di limone, cedro, pino e incenso. Una varietà che provoca un forte effetto cerebrale chiaro e di lunga durata.

Cannabis Indica

Origine: proviene del Pakistan e dell’India. Le varietà Indica si sono adattate per sopravvivere ai climi più aridi e secchi. È per questo che la loro statura è più ridotta, sono piante più robuste e massicce, dalle foglie larghe predisposte a minimizzare la perdita d’acqua durante la traspirazione.

Caratteristiche della pianta

Dimensione ridotta, massiccia e compatta.
Sistema di radici condensato.
Steli robusti.
Foglie larghe di color verde scuro.
Fiori densi e pesanti, circondati da foglioline che a volte acquisiscono tonalità rosse e porpora.
Questo tipo di pianta è molto più piccola della cannabis sativa (di solito raggiunge 1,5 metri) e ha l’aspetto di un abete.

Lo sapevi che…?

In India questo tipo di cannabis è stato tradizionalmente usato per cerimonie religiose, così come per indurre al sonno e per alcuni usi terapeutici.

Se ti piacciono le varietà a predominanza Indica, ti consigliamo

Bubba Kush è un sogno diventato realtà per gli amanti di questa genetica dal sapore inconfondibile. Una genetica privilegiata che sviluppa piante piccole le cui foglie diventano color porpora e lavanda se esposte a basse temperature durante la notte. L’effetto è rilassante, analgesico, potente e durevole ed è preceduto da un sapore con note di terra, spezie, caffè, combustibile e agrumi.

Critical + 2.0 Con un 70% di predominanza Indica, questo stupendo ibrido è frutto dell’unione tra una Critical + e un fenotipo con una resistenza all’umidità più alta. Una versione migliorata della Critical + che cresce con molta forza.  La sua intensa fragranza si traduce in un sapore di limone, pino e spezie. L’effetto è potente e rilassante, più fisico che mentale.

Cannabis Ruderalis

Origine: questo tipo di pianta proviene dalla Siberia e il Kazakistan, il che spiega le sue particolari caratteristiche. Le poche ore di luce e di scarsa intensità che ricevevano le piante di quelle zone ha fatto sì che si siano adattate all’ambiente, è per questo che le Ruderalis non dipendono dall’esposizione alla luce per iniziare la fioritura.

Caratteristiche della pianta

Dimensione ridotta e apparenza inselvatichita.
Si presenta come un’erbaccia che circonda i sentieri.
Quantità di rami minore rispetto le specie Sativa o Indica.
Apparenza conica.

Lo sapevi che…?

Le Ruderalis sono state utilizzate per creare gli ibridi autofiorenti.

Le varietà autofiorenti che esistono sul mercato attuale sono state create dai breeder tramite l’incrocio di genetiche Ruderalis con altre Sativa e Indica. Anche se gli standard di qualità e stabilità delle prime autofiorenti non erano paragonabili a quelli delle femminizzate, dopo un lungo processo di miglioramento genetico, la qualità delle autofiorenti è oggi molto alta a tutti i livelli. Ecco qua i nostri consigli:

Moby Dick Autoflowering: l’aroma e il sapore sono intensi, con note di limone, cedro e incenso. Una genetica privilegiata che si distingue per la sua grande capacità produttiva il cui effetto è potente, cerebrale, euforizzante, stimolante e di lunga durata. Una regina della cannabis che possiede delle qualità organolettiche uniche.

Dinamex Autoflowering: se ti piacciono le Sativa, allora ti consigliamo questo ibrido autofiorente frutto dell’unione tra una Dinamex e una Haze 2.0 Autoflowering. Un’ottima scelta che produce piante dalla statura ridotta, e vigorose. Questa genetica ha un marcato aroma di Diesel, petrolio e agrumi.

Fonte Dinafem – Le genetiche sopra consigliate fanno parte del catalogo Dinafem 

In Italia la coltivazione di Cannabis è vietata (art. 28 e 73 del DPR 309/90)
se non si è in possesso di apposita autorizzazione (art. 17 DPR 309/90).
Pertanto i semi venduti da Semi Ami srls potranno essere utilizzati
esclusivamente per fini collezionistici e per la preservazione genetica.
Questi semi sono commercializzati con la riserva che essi non siano usati
da terze parti in conflitto con la legge. Semi Ami srls ed i produttori
degli articoli venduti si sollevano da qualsiasi responsabilità derivante
dall’uso improprio dei prodotti da essi forniti.
Tutte le informazioni fornite, gli opuscoli, le confezioni e il materiale promozionale hanno scopo puramente informativo e non intendono in alcun modo condonare, promuovere o incitare l’uso di sostanze illegali o violazione della legge.
La vendita di semi da collezione è limitata alle persone maggiorenni e che abbiano preso visione delle avvertenze qui riportate.

Related posts

germinazione canapa

Germinazione dei semi

La germinazione (o germogliazione) è una fase del ciclo vitale delle piante attraverso il quale l’embrione contenuto nel seme inizia ad uscire dalla fase di quiescenza. Il seme può entrare nella fase germinativa in condizioni ambientali (contenuto di acqua, ossigeno e temperatura) adeguate. Alla fase di germinazione seguono accrescimento e sviluppo...

Continua
vasi canapa

Scegli il vaso giusto

Scegliere il recipiente perfetto per coltivare non sempre è un’operazione semplice. Il caro vecchio vaso da fiori è sempre valido ma la scelta del recipiente “giusto” garantirà una crescita sana e ottimale delle vostre piante. Vediamo alcune tipologie disponibili, analizzandone differenze, vantaggi e svantaggi. Il recipiente ottimale per le vostre piante...

Continua
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: