Come combattere i ragnetti rossi

Ragnetto rosso

Come combattere i ragnetti rossi

Le piante di canapa, si sa, sono soggette agli attacchi di tantissimi insetti. Per fortuna, molti risultano essere innocui o poco pericolosi. Esistono, però, alcuni insetti che possono danneggiare interi raccolti nell’arco di poche settimane. Tra i più pericolosi in assoluto, troviamo i tetranichidi, più comunemente chiamati “ragnetti rossi”.

Cosa sono i ragnetti rossi?

I ragnetti rossi non sono ragni normali, sebbene facciano parte della famiglia degli aracnidi. A differenza dei ragni, che di solito sono innocui, questi piccolissimi insetti succhiano la linfa della pianta, uccidendola poco a poco. La loro minuscola dimensione li rende molto difficili da identificare e, una volta che ci si accorge della loro presenza, spesso è troppo tardi. Di solito si nascondono sul lato inferiore delle foglie, creano ragnatele su fiori e foglie e, alla fine, rendono impossibile salvare la pianta.

Come identificare i ragnetti rossi?

Per i principianti può essere davvero difficile identificare i ragnetti rossi, soprattutto a causa della loro piccola dimensione. Il miglior modo per combatterli resta la prevenzione. Come si dice, prevenire è meglio che curare… è molto più semplice sterminare i ragnetti rossi quando sono appena cominciati a comparire sulla pianta. Col passare del tempo, non ci sarà più nulla da fare.

Per scoprire se le vostre piante sono infestate da questi insetti, cominciate con l’esaminare le foglie: troverete dei piccoli segni di denti (tipicamente dei puntini bianchi) che sono difficili da vedere, ma usando una lente di ingrandimento o un microscopio non dovreste avere problemi. Le foglie cominceranno a diventare gialle e i meno esperti saranno portati a pensare ad una carenza di nutrienti, più che di un’infestazione di insetti. Guardando con attenzione, però, scorgerete delle ragnatele, che vi faranno capire che si tratta dei ragnetti rossi. Per avere un’ulteriore prova, mettete un foglio sotto la pianta e scuotetela. I ragnetti cadranno sul foglio e, con una lente di ingrandimento, potrete confermare se si tratta di loro.

Come prevenire un’infestazione?

I ragnetti rossi prosperano negli ambienti caldi e molto umidi. Mantenere una temperatura abbastanza bassa renderà difficile per loro riprodursi. Bisogna assicurarsi, inoltre, di rimuovere qualsiasi rimasuglio di piante dalla stanza di crescita, perché i ragnetti rossi sono bravissimi a nascondersi e aspettare. La maggior parte di questi insetti viene dall’esterno, quindi è bene cambiarsi i vestiti prima di entrare nella stanza di coltivazione. Attenzione a non toccare i cloni o le piante infestate dai ragnetti rossi, perché potrebbero usarvi come “taxi” per arrivare alla vostra stanza di coltivazione e infettare tutte le vostre piante.Ragnetto rosso

Come uccidere i ragnetti rossi?

Se presi in tempo, non è difficile sbarazzarsi di questi insetti. Esistono sia metodi naturali, che non. Prima di cominciare ad applicare uno o più di questi metodi, è bene eliminare le foglie infette e le piante ormai irrecuperabili. Applicate il pesticida (naturale o non) sempre la sera o, comunque, a luci spente, per evitare di bruciare le foglie. Vediamo i metodi più comuni:

  1. Acqua e sapone: è la maniera più economica per sbarazzarsi della maggior parte degli insetti, ma non la più efficace. Mischiate una goccia o due di sapone da bucato (o di qualsiasi sapone insetticida) con un litro di acqua e spruzzate sulle foglie. I ragnetti tenderanno a scivolare via dalle foglie a causa del sapone. Se volete essere ancora più precisi, strofinate ciascuna foglia con uno strofinaccio imbevuto di acqua e sapone. Anche il terreno dovrebbe essere spruzzato per uccidere le uova. Ripetete il metodo ogni giorno, visto che non è tra i più efficaci.
  2. Olio di Neem: il modo migliore per uccidere i ragnetti rossi è usare l’olio di Neem. Non esagerate col dosaggio, perché è molto forte. Seguite le dosi consigliate sulla confezione.
  3. Oli essenziali: alcuni oli essenziali come quelli di rosmarino e cannella si dimostrano particolarmente efficaci per combattere i ragnetti rossi e altri insetti.
  4. Prodotti specifici: esistono prodotti naturali appositamente pensati per uccidere i ragnetti rossi. Seguite sempre le istruzioni sulla confezione.
  5. Alcol denaturato: mischiato con l’acqua può aiutare. Preparate una soluzione 50:50 di alcol e acqua e spruzzate.

Qualsiasi metodo decidiate di utilizzare, cercate di farlo sempre durante la fase vegetativa delle piante. Se doveste essere costretti a cominciare il trattamento durante la fioritura, abbiate cura di vaporizzare un po’ di acqua pulita su foglie e fiori, per evitare qualsiasi traccia di pesticidi, che andrebbero a rovinare il gusto delle vostre piante.

Avete trovato utile questo articolo? Trovate questo e tanti altri articoli in lingua originale (inglese) sul sito di Fast Buds Seeds Co.

Continuate a seguirci per scoprire tutti i segreti sul mondo della canapa!

 

La redazione di Semi Ami, i suoi collaboratori e Fast Buds Seeds Co. non intendono in alcun modo incentivare alcuna condotta vietata dalla legge. Tutte le informazioni contenute sono da intendersi solo ai fini di una più ampia cultura generale. Né la redazione, né i suoi collaboratori sono in alcun modo responsabili di un eventuale uso improprio delle informazioni contenute in questo sito.

Related posts

psoriasi e cannabis

Canapa, CBD e Psoriasi: i benefici

In Italia circa 3 milioni di persone soffrono di psoriasi e la gran parte dei pazienti si dichiara insoddisfatta delle cure tradizionali. In questi ultimi anni, però, sono stati condotti diversi studi sulle potenzialità della canapa e dei suoi principi attivi (in particolar modo CBD e THC) nella lotta...

Continua
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: